Main Menu

L'equilibrio in bilico

Il mio futuro? Dipende da me!
Fondazione Mondo Digitale

L'equilibrio in bilico

L'equilibrio in bilico

Role modeling con Claudia Adduce

"Immaginate una vasca d’acqua di tredici metri di diametro. Immaginate che questa vasca ruoti su se stessa. Immaginate che sopra la vasca vi sia una pedana, anch’essa rotante, da cui spuntano una serie di strumenti bizzarri e sofisticati - laser, telecamere, sonde di vario tipo. Sulla pedana si muovono alcune figure, intente a osservare la dinamica di correnti colorate che percorrono l’acqua della vasca, attente a controllare il corretto funzionamento della  strumentazione, e a non perdere l’equilibrio mentre, per contrastare la forza di Coriolis, si sbilanciano verso sinistra. È in un simile scenario, in bilico sulla grande vasca rotante di un laboratorio di Grenoble, che Claudia Adduce, professore associato di Ingegneria idraulica presso l’Università di Roma Tre, ha svolto alcune delle ricerche che le sono valse la candidatura al prestigioso Ippen Award, il maggior riconoscimento mondiale nel campo dell’ingegneria idraulica".

Così nel Domenicale del quotidiano Il Sole 24 Ore di due anni fa Lorenzo Carlucci presentava ai lettori la straordinaria impresa dell'Adduce, la prima docente italiana vincitrice del maggiore riconoscimento scientifico a livello mondiale nel campo dell’Ingegneria Idraulica.

Domani le Coding Girls hanno la possibilità di dialogare in diretta con Claudia Adduce, per scoprire come si possano "coniugare esperimenti in laboratori avveniristici a esperimenti virtuali eseguiti su super calcolatori, ospitati da centri di ricerca sparsi in giro per il mondo. E come arrivare alla comprensione di complessi fenomeni naturali di estrema importanza per l’ambiente".

Oggi l’ingegneria può perfino aiutarci a trovare un equilibrio in bilico... perché tra le discipline scientifiche è tra i settori che sta procedendo più velocemente nel colmare il divario di genere [vedi i dati del Consiglio nazionale ingegneri]

Il terzo appuntamento con la campagna intergenerazionale sulla parità di genere "Il mio futuro? Dipende da me!", lanciata dalle Coding Girls, è in programma domani, giovedì 24 febbraio, dalle 16 alle 17.

Come di consueto la sessione di role modeling viene trasmessa in diretta streaming sulla pagina facebook Coding Girls.

A intervistare Claudia Adduce, professoressa associato di Ingegneria idraulica, Dipartimento di Ingegneria dell'Università degli Studi Roma Tre, sono due giovani studentesse del liceo scientifico Tito Lucrezio Caro di Napoli, scuola hub di Coding Girls:

  • Giulia Pappalardo, 16 anni, ama il nuoto e disegnare. Affascinata dal mondo dell’informatica, ha già partecipato a un corso di robotica alla Città della scienza.
  • Clara Ferraro, 16 anni, ama l’arte e lo spettacolo. Collabora come grafica al giornalino della scuola.

Other news that might interest you